La teenager startup che vuole creare grattacieli con la stampa 3D

caZZA LOGONon è un racconto vintage di Philip Dick né l’ennesima boutade di qualche strano tecno-entusiasta di passaggio. Cazza è una startup emiratina che sta introducendo soluzioni tecnologiche di altissimo livello nell’edilizia ed ha già in mano un progetto concreto: la gru Minitank che può posare oltre duecento metri quadri di cemento al giorno accelerando del 50% i lavori di costruzione rispetto all’edilizia tradizionale.

CAZZA TECH

Un esempio di braccio robotico per il 3D printing on site

Cazza è una teenager startup: nel senso che il CEO e founder ha 19 anni ed ha finanziato questo progetto visionario con i fondi guadagnati vendendo la sua azienda precedente (!) Appsitude, utilizzati soprattutto per assumere una squadra d’elite di ingegneri specializzati nelle tecnologie legate alla stampa 3D. L’azienda ha già progettato una serie di stampanti 3D mobili concepite per l’utilizzo in cantiere, che hanno poi portato alla realizzazione finale di Minitank.

3dpr dubai1

Dubai punta moltissimo sulla stampa 3D, non solo nell’edilizia ma anche nel settore medicale e nei beni di consumo

L’investimento non è lasciato al caso: nei piani governativi di Dubai, c’è quello di coprire il 25% degli edifici in città utilizzando la stampa 3D entro il 2030. Per questo Cazza si è spostata dagli Stati Uniti a Dubai, traslocando in un ufficio stampato in 3D da un braccio robotico in quindici giorni. Non stiamo parlando di tecnologie a livello di prototipo, ma di una vera e propria corsa competitiva a portare prima degli altri la tecnologia 3D in questo settore. Ci sono aziende agguerrite come la cinese WinSun che tre anni fa ha stampato in una sola giornata edifici di 10 piani a Shanghai oppure lo studio DUS che ha completato un progetto di canal house da tredici stanze ad Amsterdam, o ancora Apis Cor che ha stampato una casa da 37 mq vicino Mosca (nel video) eppure ancora si fatica a trovare una soluzione standard da implementare nel processo costruttivo che vada aldilà del singolo progetto pionieristico.

La vera innovazione sarebbe una soluzione come quella di Cazza che con Minitank vuole portare la tecnologia 3D on site. Per ora abbiamo grandi ambizioni, e progetti che stanno prendendo il via a Dubai nei prossimi mesi, in una piazza dove il settore comincerà a crescere del 2% dal 2019 solo in riferimento all’utilizzo di tecnologie di stampa 3D, mentre anche altri settori sperimentano un investimento rilevante in questo senso. Basti pensare ai prodotti medicali stampati in 3D che, secondo le autorità emiratine, dovrebbero arrivare ad un valore di mercato di oltre mezzo miliardo di dollari nei prossimi otto anni.

[header photo by Leo Fosdal via Unsplash]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...