ASEAN: una priorità per l’export?

La corsa dei grandi player digitali ad acquisire una posizione dominante nel mercato elettronico del Sud Est asiatico non accenna a rallentare, dopo le mosse di Amazon, Alibaba e le acquisizioni di startup o aziende strategiche nei mercati locali. Abbiamo avuto modo di analizzare già un paio di mesi fa  le opportunità che offre il boost degli acquisti digitali nel paese, che arriverà ad aumentare di oltre sedici volte il proprio volume attuale nei prossimi dieci anni.

Il mercato è un’importante destinazioni per le merci europee ed è di fatto una delle aree a maggiore dinamismo nel 2015-2016 che è cresciuta del +2,3% nell’ultimo anno solo in termini di export dall’Italia, ma che mostra una dinamica interessante in cinque paesi (come si evince dal grafico) che dettano i trend in vari settori industriali.

5 asean countries import record

Storico delle importazioni 2011-2015 da cinque paesi leader del blocco ASEAN. La dinamica è interessante, se correlata ai dati 2016 e alle previsioni per i prossimi anni (v. grafico sotto) diventa ancora più rilevante il potenziale ancora da esprimere

Spesso si trascura la portata dimensionale dell’area ASEAN: da sola assorbe oltre 600 miliardi di euro di importazioni di manufatti, ed equivale alla somma di mercati maturi come Francia, Spagna e Portogallo, e che già nel primo mese del 2017 ha fatto registrare tassi di crescita record per il made in Italy rispetto al gennaio 2016. Un mese non è certo indicativo, ma può essere un buon segnale per intepretare i trend in corso (+57% gennaio ’17 vs gennaio ’16 secondo ultimo comunicato ISTAT).

asean dinamica domanda

Dinamiche della domanda di import a confronto. Emergenti e maturi Asia sono tra i cluster geografici più interessanti

Andando a vedere alcune tra le simulazioni più attendibili sull’andamento della domanda di import nell’area, possiamo prevedere una ripresa generalizzata che può essere interessante nel delineare strategie di export focalizzate su alcuni dei mercati locali. Eppure il potenziale commerciale degli scambi fra le due zone è fortemente sotto utilizzato, a causa della presenza di vincoli importanti sugli scambi di servizi e sugli investimenti diretti esteri (che comunque vedono l’Europa al primo posto tra gli investitori con oltre diciannove miliardi di euro di flusso complessivo), ma anche per  fenomeni di tariff escalation che colpiscono le importazioni in maniera proporzionale al grado di lavorazione, quindi penalizzanti per molti settori forti del vecchio continente.

quote export mappa aggiornato

Una delle ultime mappe con le quote di mercato dell’Italia. Ci sono aree, come il blocco ASEAN o la Cina, dove c’è un forte potenziale inespresso

Indonesia President Joko Widodo in Brussels

Il Presidente dell’Indonesia con Claude Juncker, nell’aprile del 2016, incontrano la stampa per parlare dell’FTA con l’Unione Europea

ASEAN ed UE provano ad arrivare da dieci anni ad un accordo commerciale di ampio respiro, ma le importanti disparità economiche e strutturali di un’area fortemente eterogenea hanno di fatto arenato i lavori, eppure permangono diversi progetti europei per la realizzazione di uno spazio unico di cooperazione nell’area, orientati as usual su ambiente, diritti umani e sviluppo rurale. Ci sono però progetti come l’ARISE o l’ECAS III che hanno un carattere commerciale più spinto: ARISE punta ad accelerare la transizione verso il mercato unico AEC attraverso la convergenza di standard tecnici e doganali, potenziamento delle reti logistiche e capacity building, mentre l’ECAS III opera sul consolidamento della protezione della proprietà intellettuale, uno dei temi sensibili nello stabilire rapporti duratori con i paesi del blocco ASEAN.

Se guardiamo ad una delle ultime mappe delle quote di mercato dell’export italiano, ad esempio, comprendiamo sicuramente il forte carattere eterogeneo nel blocco ASEAN ma anche il potenziale inespresso di un’area che è destinata ad aumentare il proprio peso specifico in un’arena internazionale scossa dai venti del protezionismo.

C’è ancora molta strada da fare, ma il sentiero più redditizio passa da queste parti.

lazada shop

Lazada, il portale e-commerce cross country nel blocco ASEAN recentemente acquisito da Alibaba group

[header photo by Rafa Prada via Unsplash]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...