Moda, machine learning, e-commerce: intervista ai founder di VeryClothe

VeryClothe è una startup con sede negli Stati Uniti che mira a fornire soluzioni efficaci e disruptive nel modello di vendita retail aiutando aziende e seller a sopravvivere alla concorrenza digitale che diventa ogni giorno più difficile. Alla fine di novembre, VeryClothe ha lanciato la sua versione beta al TechCrunch Disrupt di Berlino, dopo aver lavorato parecchio dietro le quinte per sviluppare il prodotto.

giphy

Date un’occhiata a VeryClothe su Instagram 

Siamo riusciti a intervistare Galina Charni, CEO e co-fondatrice di VeryClothe. Galina è l’ex capo stilista di una TV Shopping Chanel con oltre 10 anni di esperienza al dettaglio, ed ha studiato al New York Fashion Institute of Technology e all’Hebrew University di Gerusalemme. Molto spesso ha iniziato a raccogliere e analizzare dati anonimi sulla posizione specifici sui modelli di acquisto e sul comportamento dei clienti. Questi dati unici elaborati dagli algoritmi di apprendimento automatico forniscono informazioni dettagliate sulle esigenze degli utenti. Condiviso con le piccole attività di vendita al dettaglio, può rendere molto più facile per aziende e retailer prendere decisioni di merchandising estremamente più efficienti, fondendo l’intuito del commerciante con con l’analisi basata sulla posizione e la geolocalizzazione. Lo shopping offline intelligente consente a VeryClothe di stringere stretti rapporti con i rivenditori locali, con l’obiettivo principale di creare un’infrastruttura organica “city-as-a-warehouse” (città come magazzino unico di prodotti, interconnesso) e implementare più strumenti di marketing in un ambiente di vendita più sostenibile.

Quando e perché hai deciso di fondare Veryclothe? Che cosa hanno portato in dote i  fondatori alla nuova società dalle precedenti esperienze e background?

VeryClothe è stata fondata a Berlino nel fine 2017 da Djois Franklin, ex veterano di Microsoft per dispositivi mobili e touch e Galina Charni, una professionista della gestione della moda con oltre 10 anni di esperienza nello shopping personale e nelle vendite al dettaglio. Osservando il comportamento di acquisto di sua moglie e delle sue figlie, Djois ha iniziato a ricercare soluzioni per il mercato al dettaglio che possono rendere lo shopping offline facile quanto online. La sua esperienza ha confermato che è difficile trovare negozi e articoli pertinenti e aggiornare regolarmente il proprio guardaroba. L’idea della soluzione sia per gli acquirenti che per i rivenditori tradizionali deriva dal fatto che, nonostante l’e-commerce sia alle stelle, la vendita tradizionale rimane ancora il principale canale di vendita di abbigliamento e accessori. Tuttavia, il problema principale che i rivenditori tradizionali devono affrontare è quello di ottenere traffico pedonale; questo è particolarmente difficile per le boutique indipendenti a causa di una presenza online ancora molto limitata.

Il secondo problema dell’industria della moda è che il ciclo di vita dei vestiti sta diventando più breve. Un quinto di ogni capo non viene mai usato o usato solo un paio di volte. L’elevato consumo di volume aumenta l’impatto ambientale derivante dalle fasi di produzione, trasporto e smaltimento.

Entrambi i founder, io e Djois, sono figli di un background sia tech che retail, e siamo sicuri che possiamo portare un valore aggiunto unico al mondo retail della moda. Crediamo nella creazione di un’infrastruttura di noleggio organico dei capi d’abbigliamento che riduca i rifiuti di abbigliamento e l’impatto ambientale derivante dallo smaltimento.

vc1

Il modello delle relazioni competitive tra boutique di Berlino elaborato dall’algoritmo intelligente di VeryClothe

Come hai gestito il tuo finanziamento nella fase iniziale?

Stiamo ancora in fase di bootstrap. Stiamo provando a raccogliere fondi pre-seed in questo momento, ma nella situazione attuale è estremamente difficile, quindi siamo pronti a prolungare il bootstrap per un po’  per portare presto la nostra soluzione sul mercato.

Cosa c’è di diverso in Veryclothe? In che modo puoi fornire un supporto efficace ai rivenditori offline e online attraverso le tue soluzioni basate sul machine learning?

La cosa davvero entusiasmante di VeryClothe è che cambierà il modo in cui le persone acquistano offline. Un’altro asset importante è che accumuleremo grandi dati sugli acquirenti e sui modelli di acquisto, che saranno specifici per località. Applicando l’apprendimento automatico saremo in grado di pianificare le scorte, aiutare i rivenditori a prendere decisioni di merchandising e ad anticipare le esigenze degli acquirenti. Ciò è particolarmente importante per i dettaglianti indipendenti che non possono permettersi rapporti sulle tendenze del mercato e strumenti per ricerche di mercato approfondite. Le soluzioni attualmente disponibili sul mercato sono ancora troppo costose per le piccole catene e i singoli proprietari di negozi. Raccoglieremo dati unici e useremo algoritmi di apprendimento automatico per analizzare il comportamento di acquisto.

vc2

Percorsi di acquisto a Berlino di gonne da donna, elaborato in base alla profilazione di VeryClothe

Puoi condividere con noi una storia di successo legata a VeryClothe?

Ora non esiste una fonte di informazioni unificata basata sulla posizione nel mondo della vendita offline. È impegnativo e richiede tempo per trovare un negozio specifico che porterà un determinato oggetto che ti piacerà nella tua taglia e nella tua fascia di

app

La app di VeryClothe

prezzo, oltre a scoprire nuovi capi e trend nella moda indipendente. Creeremo un feed personalizzato basato sull’apprendimento automatico di prodotti disponibili offline, e in futuro farà in modo che le ultime tendenze e la moda del designer originale facciano parte della vita delle persone senza costi eccessivi. L’intero quartiere o la città diventeranno un unico negozio.

Abbiamo già profilato migliaia di negozi in Europa, Regno Unito, Stati Uniti e Israele. Dopo il nostro progetto pilota a Berlino, avremo la possibilità di lanciare la nostra app nelle principali città di tutto il mondo. La nostra app è particolarmente necessaria in ambienti urbani con una scena di vendita eterogenea, in cui i rivenditori indipendenti svolgono un ruolo importante.

Perché Berlino?

Abbiamo scelto Berlino per via della sua natura multiculturale e del suo ambiente retail unico e variegato. Ci sono centinaia di boutique di moda e studi di stilisti che aspettano di essere scoperti da centinaia di migliaia di persone che vengono a visitare questa meravigliosa città ogni mese.

TC_Disrupt_Social_FB2

Il TechCrunh Disrupt di Berlino, uno degli appuntamenti più rilevanti nel panorama delle startup innovative e tecnologiche europee

C’è una forte concorrenza nell’e-commerce e la moda è la prima ondata dello shopping digitale, con l’aumento del costo per clic nelle campagne digitali e le esperienze utente impegnative necessarie per superare il “rumore di fondo” e ottenere prestazioni migliori. Dove sta andando il settore secondo te?

Siamo convinti che le tendenze determinanti siano la personalizzazione (dei servizi e dei beni offerti); la sostenibilità (nelle pratiche, nella produzione e nei modelli di business), soprattutto per la nuova generazione di acquirenti. Infine il concetto di condivisione che andrà a prevalere sul possesso, il che significa che i modelli di business di noleggio nella vendita al dettaglio di moda sono vincenti.

Dai un nome a tre e-commerce o startup tecnologiche che, secondo te, stanno per rimodellare il mercato

È difficile da prevedere, ma quelli che lo stanno già modificando sono concetti di vendita innovativi come StitchFix, Rent the Runway e Farfetch.

rr

Rent the Runway piattaforma e-commerce che si basa sullo sharing ed il noleggio a tempo di capi d’abbigliamento ed accessori firmati o di designer e maison alla moda

Header Photo by Teddy Kelley on Unsplash

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...