Stati Uniti e interior design: il mercato accelera e le opportunità non mancano

Le recenti interviste su Startup Lookup! Hanno evidenziato come il settore della home automation sia l’epicentro di un crescente dinamismo in termini di innovazione e sviluppo del prodotto, con top player del settore tech come Google che continuano ad investire sistematicamente energie e risorse in startup con prodotti dall’effetto dirompente. Mentre continuano i negoziati per il TTIP nonostante i nodi difficili del mercato agroalimentare e degli altri settori industriali dove la strada per il compromesso appare più impervia, gli Stati Uniti si confermano come uno dei mercati tradizionali di maggiore importanza per l’intero mercato internazionale del design e dell’abitare.

Il volume dell’intero mercato dell’arredamento negli USA ha superato quota 123,7 miliardi di dollari, con un ritmo di crescita del 2% circa che è tornato ai livelli antecedenti la crisi del 2007-2009 che comportò una drammatica riduzione delle vendite. Un segnale incoraggiante, soprattutto per le aziende che producono design Made in Italy e che da sempre hanno nel nord America uno dei mercati di sbocco di grande rilevanza strategica. Il grafico evidenzia la segmentazione sommaria dei tassi di crescita delle vendite previsti per il prossimo quadriennio, che nel caso dei prodotti per l’illuminazione e per l’arredamento outdoor superano la doppia cifra:

Arredamento in USA - previsioni di crescita 2014 - 2018

Arredamento in USA – previsioni di crescita 2014 – 2018

Il caso dell’illuminazione può essere senz’altro attribuito al fatto che il lancio dei prodotti LED non ha generato un impatto nelle vendite tale da recuperare il terreno perso negli anni della crisi, nonostante siano passati da un mediocre 1% del mercato all’attuale quota del 6%: un tasso di crescita interessante ma non dirompente come si sarebbe potuto immaginare. Eppure i margini di crescita sono considerevoli:

Cree - HomeDepot

Cree – HomeDepot

Home Depot dalla prima metà dello scorso anno ha introdotto prodotti LED ad un prezzo pari ad un terzo della media di mercato, di fatto realizzando un dumping interno sistematico a danno degli altri competitor, con un prodotto estremamente competitivo anche in termini di qualità ed affidabilità.

Se è vero che il drastico decremento dei prezzi previsto è destinato a incoraggiare ulteriormente la domanda, fino a garantire in un quadriennio il raggiungimento di un quarto del mercato per i prodotti LED, non bisogna sottovalutare le nicchie interessanti che si creano per la fascia alta e domotica dei prodotti. Philips HUE e tante altre soluzioni integrate con i sistemi di home automation sono destinate ad avere un appeal crescente per i consumatori, come abbiamo visto sia in recenti interviste che nella panoramica sulle grandi compagnie di telecomunicazioni USA che offrono pacchetti integrati di soluzioni domotiche.

Un mercato in crescita che offre opportunità alle aziende che sanno differenziarsi puntando su alta qualità, affidabilità, innovazione ed integrazione tecnologica.

Hilton Colon Hotel - progetto di Perkins Eastman uno dei massimi studi di architettura USA

Hilton Colon Hotel – progetto di Perkins Eastman uno dei massimi studi di architettura USA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...